Fotografia

Fotografo: Franco Mapelli

franco mapelli

L’occhio del fotografo Franco Mapelli ha individuato le tracce della riforma agraria in Basilicata che rappresentava la speranza di una metamorfosi sociale e paesaggistica invocata, accolta e poi vanificata dagli eventi.

franco mapelliLe immagini esposte ricordano la storia del nostro mezzogiorno quando nei primi anni del secondo dopoguerra le proteste contadine, sfociate in clamorose occupazioni, reclamano la fine dei latifondi e una politica agraria decisa. Un immenso patrimonio di terre, in gran parte incolte, verrà espropriato, frammentato e riorganizzato dalla riforma agraria del 1950. Saranno stabiliti interventi radicali per ripopolare le campagne, pianificando unità abitative e infrastrutture per sostenere la produzione agricola. In Puglia, Basilicata e basso Molise 174.886 ettari di 1.437 proprietari saranno assegnati a ben 31.609 famiglie.

Le cifre rivelano le aspettative di un mondo contadino che vuole essere padrone di un futuro diverso, ma il progetto di formare una diffusa proprietà sarà sconfitto in pochi anni. Le ragioni sono molteplici: dai nuovi equilibri sociali, politici ed economici, allo sviluppo industriale del Nord, all’avvio del mercato comune europeo nel 1957. Verrà così alimentata la seconda ondata dell’emigrazione italiana e un esodo dalle campagne non previsto nelle teorie della riforma (basata sul lavoro della famiglia contadina nei borghi agricoli e nei poderi) segnerà profondamente queste terre, nuovamente abbandonate e incolte.
Oggi borghi rurali dell’Ottocento, fattorie dei latifondi, costruzioni rurali della riforma, si stagliano in molti angoli della Basilicata e, in stridente contrasto con i segni del presente (nuove forme di coltivazione, pale eoliche, ecc..) testimonianza di un’utopia sopraffatta dalla storia di cui però è importante conservare la memoria.

Franco Mapelli, nato a Milano e residente a Roma, dove si è laureato in architettura, è un fotografo con attività professionale svolta in vari paesi. Tra i luoghi dove ha soggiornato più a lungo: Mosca e New York.

Il mondo principale della sua fotografia è quello di immagini architettoniche e manufatti nel paesaggio rurale ed urbano. Ma ha svolto anche importanti servizi sulla natura, le vicende e le atmosfere di vari paesi come Algeria, Cuba, Egitto, Francia, Olanda, Portogallo, ecc.. che si possono ammirare in varie pubblicazioni.

Sito web: www.francomapelli.com