Eventi dell'Associazione

Medicina, Salute e Benessere

Venerdì 26 maggio 2017 – ore 19.00, Via Nizza, 56 – Roma 

L’appuntamento annuale della nostra programmazione sui temi della salute e del benessere si è svolto ancora una volta con la partecipazione di talenti lucani che si qualificano come un riferimento nelle rispettive specializzazioni mediche.
Tutti i relatori hanno utilizzato un linguaggio semplice e molte immagini, agevolando così la comprensione di aspetti importanti della ricerca e dello stato delle terapie più avanzate.

La medicina è l’attività di maggiore rilevanza per le persone, nella quale operano i  migliori talenti, che utilizzano le più avanzate tecnologie e metodologie, e operano in un sistema professionale globale caratterizzato da un’altissima circolazione delle informazioni. Un fatto che consente di realizzare cose straordinarie.
Queste caratteristiche del settore sono emerse chiaramente quando s’è parlato di un nuovo filone di ricerca, quella biologia molecolare.

La serata è stata coordinata dal nostro associato, il dr. Franco Scutari, Primario di Chirurgia Generale d’Urgenza di Pronto Soccorso del Santo Spirito di Roma, al quale sono stati conferiti ora anche gli incarichi di coordinamento di altre strutture chirurgiche che sono il presidio terapeutico di riferimento per un milione di abitanti!

Il dr. Scutari, ha introdotto il tema della prevenzione e cura dei tumori con un breve quadro statistico degli andamenti delle patologie oncologiche. Ha fornito indicazioni sull’evoluzione nelle metodologie di analisi, nelle terapie di intervento e di cura. Con un messaggio chiaro: i tumori si possono vincere.

Dopo la breve apertura, ha quindi presentato e coordinato gli interventi dei membri del panel, nell’ordine:

  • il dr. Nicola Canonico, gastroenterologo, internista, oncologo. Docente di gastroenterologia. Noto ed apprezzato dagli associati per i suoi precedenti interventi, l’ultimo dei quali lo scorso anno su Cibo e Salute.
    In questo nuovo appuntamento ha esposto concetti di ordine generale e dei fattori di rischio nelle patologie del colon-retto.
    Di grande importanza la suddivisione logico/temporale tra fasi della prevenzione:

    • quella primaria, quando non c’è ancora la malattia ma fattori di rischio;
    • la secondaria, quando il tumore sta insorgendo;
    • la terziaria, fase delle terapie coadiuvanti che lasciano ben sperare.

Delle patologie relative al colon-retto ha ricordato i fattori di rischio (obesità, >50 anni; vita sedentaria, alimentazione, stili di vita, ecc.) e mostrato alcuni interventi più comuni e meno invasivi che assicurano un’altissima percentuale di guarigione.

  • il dr. Ettore Capoluongo, professore di Biologia  Molecolare e titolare di incarichi operativi in Italia ed all’estero. Tra i più rilevanti quello di Direttore di laboratorio di Clinica Molecolare del Policlinico A.Gemelli di Roma  oltre alla titolarità di ricerche e studi scientifici condotti con importanti istituzioni internazionali, soprattutto statunitensi. Il prof. Capoluongo ha soggiornato negli USA ripetutamente  e avrebbe potuto restarvi se non fosse stato animato dal desiderio di contribuire a migliorare le cose nel nostro Paese. Questo giovane talento lucano (potentino) è un riferimento internazionale nella ricerca medica dei cosiddetti “marcatori precoci”. Indicatori potenzialmente vitali perché possono individuare anomalie cellulari con maggiore anticipo rispetto al manifestarsi della malattia.
    Tra i suoi principali approfondimenti, le ricerche di dati sulla “familiarità” nei tumori della mammella.
  • il dr. Mario Domenico Lofrano, Direttore Sanitario delle Terme di Latronico, in Basilicata, ha parlato in generale delle proprietà delle acque termali sia in funzione terapeutica che di relax e benessere. E, nello specifico ha fatto anche il punto sulle potenzialità delle Terme di Latronico.

La validità terapeutica delle acque e dei fanghi di Latronico sembrano essere note anche nella preistoria, come emerso da ricerche archologiche svolte nei primi del ‘900.  Negli ultimi tempi si stanno intensificando gli sforzi per agevolare la fruizione delle terme a fini terapeutici al bacino naturale di utenza (Basilicata e territori confinanti) ma anche di proporre Latronico come destinazione che sfruttando il fenomeno sociale del “termalismo”, faccia da attrattore e motore economico del territorio presso un pubblico più vasto.

Oltre al miglioramento degli impianti termali, è in via di potenziamento la struttura ricettiva che è stata abbastanza carente e anche iniziative che riescano a “far entrare le terme di Latronico nell’immaginario collettivo” dei viaggiatori con iniziative originali come quelle di Arte Pollino, la serie di sculture/istallazioni artistiche all’aperto che da un decennio hanno visto il succedersi di grandi artisti internazionali.  Proprio nel parco delle Terme di Latronico, insieme ad una installazione di Alessandro Armento, vi è un’opera di Anish Kapoor.

Come emerge da questo sommario, è stata una serata di grandi apprendimenti e di estrema utilità pratica per i numerosi partecipanti.

Domande di chiarimento potranno essere fatte sia nel corso delle presentazioni che successivamente, durante la fase conviviale, che, stavolta, in via eccezionale, si svolgerà presso Il My River, sempre al costo di 15€.