Eventi dell'Associazione

Medicina e salute. Autunno/inverno 2019: mali di stagione

Venerdì 8 novembre 2019 – ore 18.30 via Nizza 56, Roma

Medicina e salute

medicina e saluteIl nuovo incontro sui temi della salute e del benessere è stata una eccellente occasione per conoscere la evoluzione di studi medici su patologie che si manifestano o che si acutizzano nel periodo autunno/inverno e le terapie per curarli.

Il coordinatore dell’incontro Franco Scutari ha ricordato in apertura alcuni elementi di base e qualificanti del Sistema Sanitario Nazionale-SSN e lanciato poi il tema dell’uso ed abuso di antibiotici sottoponendo il suo punto di vista all’attenzione dei colleghi dott. Bottari, dott. Graziani e prof. Luzi.

Nel merito, c’è stata unanimità sul fatto che se da una parte gli antibiotici hanno salvato milioni di vite umane e debellato malattie che in passato erano letali come colera, tifo e tubercolosi, dall’altro hanno segnalato l’inizio di una fase post-antibiotica durante la quale, infezioni comuni o ferite minori curate con successo per decenni, potrebbero ora ritornare ad uccidere.

Quella che chiamano la ANTIBIOTICO RESISTENZA è la condizione che si è venuta a determinare per l’uso diretto o indiretto (es. attraverso gli alimenti trattati con antibiotici) che può essere causa di malattie e anche di morte.  Eventi che si sono già verificati e che dovrebbero suggerire un uso più limitato evitandone l’utilizzo nella maggior parte delle forme influenzali (dove non hanno alcuna efficacia sui virus), assumendo gli antibiotici  secondo le indicazioni del medico anche per quel che concerne la durata (non interromperne l’uso perché ci si sente meglio), ecc.

Altro tema di straordinaria rilevanza oggetto dell’incontro è stato quello dei vaccini, per l’influenza e non solo, la cui scoperta è ritenuta dai medici la più importante in assoluto.

Con riferimento ai mali ricorrenti nelle stagioni autunno-inverno, il dott. Luca Bottari – Medico di base a Roma, ha espresso il parere del medico di famiglia, descrivendone le modalità ricorrenti di gestione delle richieste e delle indicazioni terapeutiche per raffreddori e influenze. Fornendo anche una grande quantità di consigli su comportamenti che possono ridurre la esposizione al rischio di contagio.
Per le Osteo-Mio-Altragie: sindromi e trattamenti: dott. Giancarlo Graziani– Direttore UOC Medicina Riabilitativa – S. Spirito- Asl Roma1 ha spiegato come e perché clima, temperatura e umidità influiscono sui dolori articolari dovuti ad artrosi e a disturbi muscolo scheletrici. Ha parlato delle varie sintomatologie, del dolore e dei rimedi.
Per i rimedi ha esposto, sempre con l’aiuto di immagini, sia quelli non medicinali (comportamenti ed atti quotidiani, posture, sforzi fisici, esercizi fisici, ginnastica posturale) sia le terapie con mezzi fisici (ionoforesi, ultrasuoni, laserterapia, tecarterapia, ecc.) e con medicinali.

Vaccinarsi: Una necessità strategica: è stato infine la presentazione del prof. Giuseppe Luzi – Associato di Medicina Interna alla Università La Sapienza di Roma. Il prof Luzi ha toccato vari punti: la nascita ed i progressi del pensiero immunologico nei suoi vari aspetti: immunità innata e quella adattativa che con varie strategie (vaccinazioni) diventa capace di combattere nemici specifici dell’organismo da difendere.
La vaccinazione è il processo attraverso il quale l’inoculazione di un microorganismo opportunamente trattato sviluppa una difesa immunitaria. Grazie ad un vaccino, il nostro organismo impara a produrre difese specifiche contro un eventuale microbo in grado di generare una malattia.

Gli studi hanno reso non solo i vaccini sempre più affidabili. Le possibili controindicazioni sono percentuali così esigue che non dovrebbero dare spazio alle diffidenze al centro di un dibattito che negli ultimi anni ha prodotto lacerazioni e conseguenze negative per i più deboli: bambini e soggetti a rischio.

In materia, di grande rilevanza è stata la esposizione del prof. Luzi sulle vaccinazioni nelle terapie contro il cancro le cui ricerche sono in fase di sviluppo clinico. Con impiego di vaccini che “addestrano” il sistema immunitario del paziente a riconoscere e combattere le cellule tumorali con maggiore efficacia.

Da questi brevissimi cenni, si può capire che si è trattato di un incontro molto importante grazie al fatto che il coordinatore ed i relatori sono stati efficaci nel presentare i temi in modo chiaro e, grazie al sapiente utilizzo di immagini, di rendere comprensibili aspetti complessi delle patologie. In modo del tutto coerente con le finalità dell’incontro: evitare le semplificazioni, far capire la complessità, contrastare atteggiamenti ed abitudini preoccupanti come l’eccessivo uso di antibiotici o il non vaccinarsi.

medicina

medicina

medicina