Iniziative esterne

Visita al museo MACRO

Dopo la visita al Maxxi, avvenuta nell’autunno scorso, venerdì 11 febbraio si è svolta la visita all’ultimo dei nuovi contenitori dell’arte contemporanea costruiti nella capitale.

A fine novembre, nella stessa via Nizza sede della n/s Associazione, all’incrocio con via Cagliari, è stato aperto al pubblico la estensione del MACRO (Museo d’Arte Contemporanea di Roma) ottenuta riqualificando strutture e spazi della ex Birreria Peroni. Al di là del grado di interesse per l’arte contemporanea, la visita è stata molto utile per comprendere l’importanza della buona architettura per riqualificare spazi urbani dismessi riportandoli evitandone il degrado e portandoli a nuova vita.  Su questi aspetti è risultata molto la nota redatta dal n/s associato dr. Paolo Paolone.

La qualità delle collezioni è stata illustrata dalle due guide che hanno accompagnato i due gruppi in una visita che può essere definita solo un primo contatto che merita di essere vista in varie ore del giorno. Una delle qualità del Macro è anche il fatto che gli spazi architettonicamente più belli possono essere visitati liberamente. Il biglietto (peraltro, gratuito per gli over 65 residenti a Roma) va acquistato solo per entrare e visitare le collezioni.

La struttura dell’architetto  Odile Decq (donna, come la progettista del MAXXI, Z. Hadid) fa di Roma una delle città con più spazi espositivi moderni firmati da cosiddetti archistar.