Eventi dell'Associazione

Personaggi della Storia e dell’Arte nel Meridione: i d’Errico

I d'Errico - Natura morta di frutta e ortaggi con tre vasi di fiori e due colombe

Venerdì 27 maggio, ore 19:00 – Via Nizza 56, Roma 

La famiglia d’Errico di Palazzo San Gervasio (PZ) ha avuto una partecipazione rilevante nelle vicende storiche dell’800 ad opera di Giuseppe, il padre e dei suoi 4 figli: Agostino, Giuseppe, Michele e Vincenzo.

Proprietari terrieri (non latifondisti) i d’Errico erano stati attenti alle innovazioni in agricoltura. Ma, soprattutto, da innovatori moderati nella concezione delle prerogative politiche e sociali, parteciparono con determinazione al movimento per la costituzione borbonica fondando il Circolo Costituzionale Lucano nel 1848 ed eleggendo Vincenzo a parlamentare.

Vincenzo d'ErricoDopo la concessione e poi la pressoché immediata revoca da parte di Ferdinando II della Costituzione del 1848, espressa la loro contrarietà, furono processati, arrestati, liberati… e guardati sempre con sospetto dal regime borbonico ma anche dagli Stati pre-unitari come ebbe a sperimentare Vincenzo durante il suo esilio a Parigi e Torino, dove morì dopo 5 anni.

Il nipote Camillo, figlio di Agostino. partecipò ai moti rivoluzionari del 1860 e, dopo l’Unità d’Italia, nel suo trentennio di gestione del comune di Palazzo San Gervasio, oltre a molte innovazioni socio-amministrative, istituì nel 1897 la Biblioteca Popolare con 600 volumi cui poi, appena dopo la sua morte (2/11/1897), vennero donati 8000 libri e 300 dipinti che sono ora nella proprietà dell’Ente Morale Pinacoteca e Biblioteca Camillo d’Errico.

Pinacoteca d'Errico 1 Pinacoteca d'Errico 2

Agostino d'ErricoLa pinacoteca è una delle maggiori collezioni private di opere del ‘600 e ‘700 realizzate da grandi maestri italiani (Mattia Preti, Salvator Rosa, Francesco Solimenna, ecc) e fiamminghi (Paul Brill, Abraham Brueghel, …) che esprimono la raffinata passione del collezionista Camillo.

L’incontro ha fornito l’occasione per conoscere almeno in parte la vicenda umana e politica di personalità di cui sarebbe doveroso approfondire pensieri, azioni e lasciti di beni culturali.

Gli interventi del prof. Donato Tamblè, tra i maggiori esperti di archivistica, del dr. Mario Saluzzi, Conservatore della Pinacoteca d’Errico e della dott.ssa Rossella Di Tullo, Vice Sindaco e Assessore alla Cultura di Palazzo San Gervasio, hanno riguardato:

  • il ruolo assai rilevante di Vincenzo d’Errico nelle vicende risorgimentali e soprattutto la modernità e rilevanza per i nostri tempi della sua integrità morale e politica. Che mantenne eroicamente anche negli ultimi 5 anni di vita, trascorsi da esule guardato con sospetto in Francia ed in Piemonte e tormentato da una gravissima malattia. Come emerso chiaramente dalla lettura della prof. Rachele Di Gilio di alcuni brani del Carteggio dell’Esilio (1850-55) appena pubblicato e donato in copia all’Associazione;
  • la nascita e consistenza del patrimonio artistico letterario più importante del Meridione (300 opere del XVII e XVII secolo; 8000 volumi; incisioni ecc) donato da Camillo alla comunità di Palazzo San Gervasio nel 1897;
  • la valorizzazione di questo patrimonio a fini di sviluppo socio-culturale ed economico.

Domande e considerazioni da parte del numeroso pubblico presente (tra essi, anche quattro membri della Famiglia d’Errico) hanno arricchito lo svolgimento dei lavori, nel corso dei quali sono stati proiettati vari brani video.

Personaggi_della_storia_18Al termine, il dr. Mario Saluzzi ha consegnato al Presidente dell’Associazione, Filippo Martino, ed al prof Donato Tamblè una targa preparata dall’Ente Morale e dal Comune di Palazzo San Gervasio, insieme ad una copia di pubblicazioni che fanno parte dell’attività editoriale intesa a valorizzare il loro ricco patrimonio.

I volumi, di cui verrano poi redatte apposite schede che seguiranno nella sezione “Libri”, sono:

  • Vincenzo d’Errico – Il carteggio dell’esilio (1850-1855) a cura di Valeria Verrastro e Michela Ginnetti con il contributo di Camilla Hoffmann d’Errico;
  • Camillo d’Errico – Le passioni di un collezionista, catalogo De Luca Editori d’Arte, 2015;
  • Tra mito e storia – Protagonisti e racconti, catalogo Mazzotta Editore, 2010.
camillo_d_errico_le_passioni_di_un_collezionista Tra_mito_e_storia-protagonisti_e_racconti Vincenzo_d_Errico_Il_Carteggio_dell_esilio

Al termine dell’evento sono stati consegnati ai partecipanti al Viaggio in Basilicata dal 13 al 16 maggio un DVD con il resoconto fotografico.

 

  Le foto dell’evento