Altre notizie

Sculture di Beverly Pepper al Museo dell’Ara Pacis

Mercoledì 3 DICEMBRE, ore 12:00
Auditorium del museo dell’Ara Pacis, Via di Ripetta 190 – Roma

invito Beverly_Pepper_Ara PacisSegnaliamo un evento esterno alle attività dall’Associazione nella quale ha però un ruolo particolare il nostro associato ing. Eugenio Mancinelli.

Per la prima volta, l’area esterna del museo dell’Ara Pacis, sul Lungotevere in Augusta, diventa area espositiva, ospitando alcune grandi opere della scultrice americana Beverly Pepper.

L’artista (nata Beverly Stoll a New York, sposata al grande giornalista e scrittore Bill Pepper), vive dal ’67 a Todi (PG) dedicandosi alla scultura pubblica e all’arte ambientale producendo opere visibili in tutto il mondo.

Beverly Pepper - scultureSono lavori in metallo, spesso di grandi e grandissime dimensioni, realizzate nello studio-officina di Todi e, prima, anche all’interno di complessi siderurgici come quelli di Bagnoli e Piombino, dove in tuta blu da operaio tagliava e saldava lamiere e blocchi di acciaio. Una cosa che a suo tempo fece scalpore. A Todi, la scultrice ha regalato alcune opere come queste.

La mostra che si terrà a Roma dal 3 dicembre 2014 al 15 marzo 2015, rappresenta un ritorno a Roma, sua città del cuore . Oltre alle grandi sculture esterne in acciaio tra i 4 e 5 metri di altezza, saranno in esposizione all’interno del Museo dell’Ara Pacis opere in ferro con basi in pietra serena, molte delle quali inedite.

Durante l’arco dell’esposizione, il pubblico avrà l’opportunità di partecipare a visite guidate della mostra con l’artista, la curatrice e i suoi collaboratori. Al riguardo, il nostro associato ing. Eugenio Mancinelli, ha rinnovato la disponibilità ad organizzare una nuova visita di gruppo a questa mostra alla quale, insieme all’ ing. Puopolo ha fornito un importante contributo tecnico.

scheda_SEIPRO_DOC-1Nel corso di una precedente visita sociale all’Ara Pacis, l’ing Mancinelli, illustrò gli aspetti strutturali e dei materiali del monumento progettato dall’achistar Richard Meyer e costruito dal suo studio di ingegneria SEIPRO.

La visita è stata una prima lezione sull’architettura moderna, seguita poi da quella sulle Cantine d’Autore, svolta insieme all’arch. Nigel Ryan, assistente di R.Meier e quindi legato anche lui all’Ara Pacis.

Download PDFScarica l’invito nel formato PDF