Eventi dell'Associazione

Tradizione e modernità della musica popolare

Venerdì 17 APRILE, ore 19:00 – Via Nizza, 56 – Roma

 

Abbiamo riproposto una nuova serata sulla musica popolare italiana per approfondirne gli aspetti di perdurante interesse e, anzi, della sua riscoperta.

Come dimostrano i numerosi eventi che negli ultimi tempi si succedono nelle più prestigiose sale di concerti classici come ad es. quelle dell’Auditorium della Musica a Roma. Dove, pochi giorni fa si è esibita una formazione dal nome significativo: Canzoniere Grecanico Salentino e, prima ancora l’Orchestra Sparagna, in una serata dedicata alla musica popolare lucana.

Il maestro e compositore Riccardo Giagni  ha dialogato con il prof. Gianfranco Salvatore sull’importante patrimonio della musica di tradizione orale nel nostro Paese.

Il prof. Salvatore, docente di Civiltà musicale afro-americana e storia della po-music presso l’Università del Salento, ha parlato delle radici storico/culturali delle sonorità comuni che si trovano nella tradizione musicale del nostro sud e di quelle dei Paesi africani. Stimolando la riflessione e la comprensione di alcuni fenomeni musicali che altrimenti potrebbero sembrare delle mere casualità, come le composizioni del compianto Pino Daniele.
Molto interessante ed avvincente la storia del festival della Taranta, da lui ideato per la riscoperta e tutela del patrimonio musicale salentino e per l’ulteriore sviluppo degli studi etnografici sul tarantismo.

Dopo la conversazione, il trio Le tre meno un quarto ha eseguito brani di “pizzica” e di altre musiche popolari, tra i quali l’Inno dei Briganti, composto nel 1979 da Eugenio Bennato come parte della colonna sonora delle sceneggiato Rai L’eredità della priora (di Carlo Alianello) in onda nel 1980.

In calce il testo dell’Inno dei Briganti.

Guarda il video trailer musicale dell’evento (clic con il mouse sull’immagine)

Tradizione e modernità della musica popolare

 

Brigante se more

 

Brigante si muore

 

Ammə pusatə chitarrə e tammurəpecché ‘sta musica s’à dda cagnà.
Simmə brigantə e facimmə paurə,
e cu ‘a šcuppettə vulimmə cantà,
e cu ‘a šcuppettə vulimmə cantà.
Abbiamo riposto chitarre e tamburi,perché la musica deve cambiare.
Siamo briganti e facciamo paura,
e con il moschetto vogliamo cantare,
e con il moschetto vogliamo cantare.
E mo’ cantammə ‘šta novə canzonə,
tutta la ggentə se l’à dda ‘mparà.
Nun ce ne fotte d’u rre bBurbonə
ma ‘a terrə è ‘a noštrə e nun s’à dda ttuccà,
ma ‘a terrə è ‘a noštrə e nun s’à dda ttuccà.
Ed ora cantiamo questa nuova canzone
che tutta la gente la deve imparare,
non ce ne fotte del re Borbone
ma la terra è nostra e non si deve toccare,
ma la terra è nostra e non si deve toccare
Tuttə e paìse d’a Vasilicatə
se so’ scetatə e vonnə luttà,
pure ‘a Calabbria mo s’è arrevutatə;
e štu nemichə ‘o facimmə tremmà,
e štu nemichə ‘o facimmə tremmà.
Tutti i paesi della Basilicata,
si sono svegliati e vogliono lottare,
pure la Calabria ora si è rivoltata
e questo nemico facciamo tremare,
e questo nemico facciamo tremare,
Chi à vistə o lupə e s’è misə paurə,
nun sape bbuonə qual’è verità.
O verə lupə ca magnə ‘e creature,
è ‘o piemuntesə c’avimm’a caccià,
è ‘o piemuntesə c’avimm’a caccià.
Chi ha visto il lupo ed ha avuto paura
non conosce bene qual è la verità.
Il vero lupo che mangia i bambini
è il piemontese che dobbiamo scacciare,
è il piemontese che dobbiamo scacciare
Fèmmenə bellə ca ratə lu corə,
si llu brigantə vulitə salvà
nun ‘o cercatə, scurdatev’o nomə;
chi ce fà gguerrə nun tenə pietà,
chi ce fà gguerrə nun tenə pietà.
Donne belle che ci date il cuore,
se volete aiutare il brigante,
non lo nominate, dimenticatene il nome;
perché il nemico non conosce pietà,
perché il nemico non conosce pietà.
Ommə se nasce, brigante se mmorə,
ma fin’ all’ùltimə avimm’a šparà.
E se mmurimmə menatə nu fiorə
e na bestemmia pe’ ‘šta libbertà,
e na bestemmia pe’ ‘šta libbertà.
Uomo si nasce e brigante si muore
ma fino all’ultimo dobbiamo sparare.
E se moriremo, lanciate un fiore
ed una bestemmia per questa libertà,
ed una bestemmia per questa libertà.